Strumenti

PENTACAM : è uno strumento estremamente versatile dotato di un particolare sistema di misurazione live che permette di ottenere una moltitudine di dati corneali e fornire mappe altimetriche della cornea (come fosse una car­tina topografica). Pachimetria ottica (ovvero spessore corneale in tutti i settori), confronti statistici e programmi mirati alla ricerca di cheratoconi frusti rappresentano solo alcune informazioni di grande importanza per stabilire l'idoneità dell'inter­vento e anche per pianificare la sua ottimale correzione.

 

 

Pentacam

 

mappa corneale eseguita con il Pentacam

 

 

TOPOGRAFO: strumento dotato di un disco di Placido che viene proiettato sulla superficie corneale. Dallo studio dei riflessi è possibile una buona analisi qualitativa delle superficie corneale, evidenziando la presenza o meno di astigmatismo, il suo asse, la sua regolarità. L'accoppiamento di un fotocheratoscopio e di un calcolatore hanno portato alla nascita di moderni topografi corneali che permettono una valutazione anche quantitativa della superficie corneale.

 

Topografo

 

 

 

mappa corneale

 

ABERROMETRO: consente di rilevare anche piccole anomalie dell'occhio (aberra­zioni) che possono interferire con la ottima­le qualità della visione. La valutazione delle aberrazioni ottiche permette, oltre che migliorare e perfezionare la correzione di base, ci introduce nell’ambito della correzione della presbiopia.

 

 

Le aberrazioni oculari

aberrometro

mappa aberrometrica

 

PACHIMETRIO:  si avvale di uno strumento che tramite fasci di ultrasuoni permette di valutare lo spessore corneale nelle sedi del trattamento laser. La valutazione dello spessore corneale è importante soprattutto nei miopi elevati. Uno spessore corneale centrale inferiore alla norma può controindicare determinati interventi e generalmente il target finale non deve oltrepassare i 400 micron di spessore residuo, valore considerato da tutte le scuole un limite di sicurezza.

 

    visualizzazione dello spessore corneale

 

 

                       pachimetro

PUPILLOMETRO: la conoscenza del diametro pupillare sopratutto in consizioni scotopiche (di bassa luminosità) permette di scegliere corretti diametri di trattamento, ottimali per il singolo caso, evitando così i fastidiosi aloni notturni e dei fenomeni di multifocalità. Sebbene esitono in commercio numerosi strumenti in grado di valutare la  dinamica pupillare, una buona e realistica misurazioni si ottiene esclusivamente con strumenti che si avvalgono di un sistema di illuminazione all'infrarosso. 

                immagine pupillometrica

                                              pupillometro

 

LASER MEL-80 :  Laser ad eccimeri di ultimissima generazione che si avvale di un sottilissimo fascio gaussiano che consente di corregere aberrazioni complesse. La velocità di esecuzione riduce al minimo il tempo di esposizione corneale garantendo un più rapido recupero visivo. La sequenza degli impatti seguono uno schema di distribuzione atermico a maggiore garanzia del rispetto delle strutture adiacenti alla superficie trattata. L'elevata velocità di ripetizione della sorgente laser richiede un sistema di eyetracking estremamante rapido. Gli eccellenti tempi di feedback e la videocamera a infrarossi garantiscono sicurezza ed affidabilità di ablazione.

dati laser: laser a eccimeri ArF

                 lunghezza d'onda 193 nm

                 frequenza 10/250 pps in base alla modalità  di trattamento

                 durata impulsi 4…6 ns

                 diodo fascio di puntamento 650 nm

 

 

MEL 80 CARL ZEISS

 

VISUMAX CARL ZEISS MEDITEC: strumento base per la realizazione della tecnica femtolasix, lavora ad una frequenza di 500 kHz creando una nuova dinamica nelle applicazioni chirurgiche sulla cornea. Eccellente precisione e massima velocità rendono il trattamento estremamente sicuro ed efficace. L'energia laser ad impulsi garantisce un'incisione rapida e perfetta, grazie anche alla precisione delle componenti ottiche Carl Zeiss, assicurando una profondità di ablazione ampiamente prevedibile e precisa. Ciò consente di effettuare , con maggior sicurezza , trattamenti su pazienti con cornea sottile o su ametropie elevate e variamente combinate, per i quali in passato non sarebbe stato possibile eseguire un intervento laser refrattivo.

parametri di riferimento: lunghezza d'onda 1043 nm

                                         duranta degli impulsi 220-580 fs

                                         frequenza di ripetizione 500 kHz

Visumax Workstation

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>