Chirurgia Refrattiva

CHIRURGIA REFRATTIVA

 

La chirurgia rifrattiva offre la possibilità di migliorare la qualità della vita e del­la vista a miopi, ipermetropi e astigmatici intervenendo, con il laser o anche chirurgicamente, su alcune strutture dell'occhio. Il laser ad eccimeri ha lo sco­po di modificare la curvatura della cornea intervenendo in maniera simmetrica su tutta la superficie nei casi di miopia ed ipermetropia ed asimmetrica lavorando soltanto in alcuni settori nel caso di astigmatismo.

 

Presenti sul mercato dagli anni 90, i trattamenti laser hanno raggiunto già da molti anni elevati livelli di precisione e di sicurezza. Oggi si parla di laser a eccimeri di quarta e quinta generazione e di laser a femtosecondi che garantiscono risultati molto precisi nelle miopie lievi e alquanto affidabili nelle miopie medie e forti, offrendo nella maggior parte dei casi l'indipenden­za dagli occhiali. Un’attenta selezione dei pazienti che real­mente sono adatti a questo tipo di opera­zioni rappresenta il segreto del successo.  Difetti più elevati necessitano di un approccio diverso e di natura chirurgico con inserimento di lenti intraoculari all’interno dell’occhio od altre soluzioni spesso non esenti da molteplici controindicazioni.

Generalmente il trattamento è bilaterale e nel caso si scelga di operare i due occhi separatamente, l'intervallo fra un intervento e l'altro è di almeno una settimana.

I risultati:

Per ottenere un risultato ottimale da un trattamento di chirurgia refrattiva con laser, debbono essere soddisfatte alcune condizioni:

  • Stabilità del difetto refrattivo: normalmente il difetto non viene considerato stabile prima dei 20-22 anni pertanto l’età gioca un ruolo importante. Una stabilità refrattiva di alcuni anni è sicuramente un indice importante per la stabilità della correzione ottica ottenuta con il trattamento.

  • Una visita oculistica approfondita è fondamentale per stabilire l’idoneità dell’occhio all’intervento.

  • Una corretta informazione di cosa si riesce ad ottenere dal trattamento laser è fondamentale per non incorrere in future incomprensioni. Un occhio che prima dell’intervento vedeva con correzione i famosi 10/10 dopo il trattamento non può che vedere come prima, ovviamente senza correzione ottica, ma un occhio pigro che prima dell’intervento vedeva solo 5/10 con correzione, dopo l’intervento e senza correzione non può che vedere ancora 5/10 e non oltre. In sostanza con i trattamenti refrattivi si eliminano gli occhiali ma non le problematiche preesistenti di ambliopia, problemi retinici o altro.

  • Uso di una strumentazione all’avanguardia con laser di 4 e 5 generazione o addirittura laser a femtosecond  permette di ottimizzare il risultato. Trattamenti personalizzati, trattamento aberromentrici e controlli intraoperatori con sistemi di centratura eye tracker rappresentano il gold standard del momento.

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>